Quell’afa che non sopporto nella realtà

Quell’afa che non sopporto nella realtà è, invece, la sensazione opprimente che mi tiene in un racconto.
Il caldo assordante e il silenzio statico delle ambientazioni della narrativa sudamericana riempiono ogni orifizio. Non lasciano respirare e mutano l’atmosfera in un roboante seppur muto presagio del destino incombente.

Anche la siesta si spiega per me che sono un’ancella devota ai riti della velocità e produttività.

Mi fermo e leggo, sono con i protagonisti sulla scena di storie incredibili, improbabili e impensabili. Necessariamente sono meschine e crudeli, ma anche rivoluzionarie e oniriche nel respiro dello scrittore che vive l’afa ma la rifugge.

chiudi gli occhi e ascolta (un esempio):

Annunci

0 Responses to “Quell’afa che non sopporto nella realtà”



  1. Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




Post più letti

twitter feed

Categorie


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: